Una dimora storica che si presenta circondata da un bellissimo parco. Residenza stile barocchetto reinterpretata in chiave moderna dalla sua proprietaria.

Dettagli luminosi ed eleganti e colori sobri per accogliere eventi che spaziano dal matrimonio alla moda e design.

L’aperitivo viene servito nella parte est della casa dove si trova un berceau con velarium bianco e dove all’ombra di alberi secolari gli ospiti possono stare freschi.Villa Frua Stresa

Di seguito l’evento può essere organizzato nella parte sud della casa dove un prato circolari abbracciato dalle vigne e da un roseto assomiglia ad un salone naturale.

Se il tempo è inclemente la casa presenta tante possibilità per gli sposi anche una sala dove si cena o pranza tutti insieme.

Il taglio della torta è sempre magico sotto miglioni di lucciole e candele.

Questa villa di Stresa usata dalla famiglia di proprietà come dimora per tantissimi anni era poi stata utilizzata come studio di Architettura e in parte chiusa.

La proprietaria mia amica e compagna di laurea ha deciso di utilizzarla per organizzare eventi e mi ha contattata per avere un aiuto nel iniziare questa avventura.

Villa Frua Stresa 3Il primo servizio fotografico è stato realizzato con un mio allestimento floreale e le foto di Manlù Manuele Benaglia mio collaboratore fidato.

La Villa presentava una struttura ariosa e luninosa e per quanto il Lago Maggiore si veda solo dal primo piano, il parco immenso crea una personalità tutta particolare a questa location.

Nel  parco si trovano diversi alberi secolari altissimi che Elisa la proprietaria ha deciso di arricchire con luci bistrot molto romantiche, la scenografia che quindi si crea sotto questi alberi è spettacolare e molto romantica.

Molte spose che accompagno in questa Villa si dimenticano di non vedere il Lago Maggiore perchè ritrovano in questo luogo delle sensazioni molto piacevoli e delle emozioni forti legate all’eleganza che emanano le sale e la pace che si percepisce nel parco.

Io personalmente prediligo un allestimento barocco che va ad accentuare le linee delle finestre ed a regalare alla villa maggiore ricchezza eppure la maggior parte dei matrimoni che realizzo hanno uno stile shabby chic poiché i colori verdi e tortora si armonizzano bene con la location.

Villa Frua Stresa 1In questa villa ricordo con particolare affetto il matrimonio di Elisa e Stefano che hanno accettato la sfida di far risiedere in essa 200 invitati.

Il clima era variabile quindi abbiamo valutato il pranzo all’inteno delle sale del primo piano e devo dire che nonostante l’alto numero sia l’allestimento sia il servizio food sono stati un successo.

L’aperitivo nel parco è stato organizzato con sedute di lino e salottini bianchi, sopra ad ogni isola gourmet era posto un velarium di tessuto per garantire la freschezza del cibo.

Villa Frua Stresa 2Nella zona vicino alla villa era stata organizzata una lunga isola dedicata allo showcooking.

Uno chef e un souchef erano quindi addetti a cuocere sotto gli occhi degli ospiti gamberi, carne, verdure in salse mediterranee e orientali tutto all’interno di padelle di rame.

La scenografia era bellissima con le tovaglie a righe nei colori scelti e con tutti i prodotti freschi a vista.

Il tebleau era appeso al terrazzo e arricchito con fiori ogni quadretto portava all’interno i nomi delle persone allegati ad un tavolo.

I centrotavola sono stati realizzati con alte coppe di vetro in fiori di colori rosa verdi.

Anche il dettaglio della tavola era importante ogni tovagliolo recava un menù con iniziali nei due colori e nastri nei due colori legavano al tovagliolo un piccolo cuore profumato da legare al collo o al polso.

Cuore come l’amore dei due sposi che hanno regalato a tutti baci e applausi.

La musica ha accompagnato tutto il ricevimento con il brio e lo spirito rock degli sposi. Infatti Elisa ha dedicato ogni tavolo a un complesso rock.Villa Frua Stresa 4

Questa particolarità mi ha colpito molto infatti mi sono stupita che in una donna tanto elegante e classica dall’aspetto tradizionale si nascondesse un anima nera.

A volte il matrimonio è così elementi contrastanti che si uniscono insieme cercando una preziosa armonia.

Villa Frua è quindi una villa che piace sia alle persone tradizionali che cercano la storia e il racconto di un luogo elegante ma anche di giovani sposi che vogliono un luogo leggero luminoso che sprizza energia da ogni angolo.

La vera forza di Villa Frua è sicuramente la mia amica Elisa che in se racchiude queste caratteristiche.

Di origine alto borghese quasi nobile ma di natura rock.

Ella ha trasferito alla sua dimora questa energia che non trae forza dal Lago Maggiore ma da una luce interna forte e sensuale che trasforma questo angolo di Stresa in una location giovane e antica allo stesso tempo.

Io mi sento un pochino a casa mia poiché ho visto il progetto crescere e trasformarsi negli anni, ho vissuto tanti momenti belli e tanti successi straordinari condivisi con Elisa a pieno.

Per maggiori info contattaci.

villa frua cena in giardino

images courtesy Duepunti Wedding Photography